Saverio Gerardis.com

ALBERO GENEALOGICO KIWANIS METEO POLITICA RASSEGNA STAMPA REGGIO CALABRIA WEBCAM LINKS

 

Rassegna Stampa

Il Quotidiano della Calabria

(Domenica 20 gennaio 2002)

A richiederli il consigliere della Prima Circoscrizione, Gerardis

Interventi per il parco urbano
Segnalate barriere architettoniche e la mancanza di recinzione

"Un altra opera incompleta di Reggio Calabria". Il consigliere della Prima Circoscrizione Saverio Gerardis, punta l'indice contro il parco urbano che si trova nei pressi della Stazione centrale che avrebbe dovuto essere stato inaugurato il 2 settembre scorso dall'Amministrazione comunale.
A causa di un temporale la cerimonia saltò, ma Gerardis vi effettuò comunque un sopralluogo "notando delle situazioni spiacevoli, che pensavo - sostiene ora l'esponente di Alleanza Nazionale - fossero dovute alla mancata ultimazione dei lavori per la fretta di inaugurare e immaginavo che sarebbero state risolte dopo alcuni giorni.

A distanza di quattro mesi, invece, devo registrare che tali situazioni persistono. Innanzitutto - entra nel dettaglio Gerardis - c'è da segnalare che non è stata realizzata un'adeguata recinzione che separi i binari della ferrovia dal parco, dove, peraltro, è prevista la presenza di bambini; inoltre di fronte all'entrata del Circolo Velico, per l'assoluta mancanza di recinzione, si può facilmente accedere ad una casupola, facente parte del complesso ferroviario, divenuta ormai discarica e luogo di riparo per barboni e drogati".

Il parco urbano

Il consigliere della Prima Circoscrizione prosegue affermando: "Dopo tutto questo tempo non si è ancora provveduto a risanare la zona, e ciò rappresenta davvero un brutto spettacolo agli occhi di quanti da lì ammirano lo Stretto, inoltre tutto il perimetro di quello che resta delle mura di Forte Castel Nuovo è ridotto a una vera e propria discarica a cielo aperto. Bisogna, inoltre, sottolineare che non si è tenuto conto che il parco potesse essere frequentato da anziani, portatori di handicap e mamme con passeggini e carrozzelle e lo si è infarcito di barriere architettoniche; non si è nemmeno - conclude Saverio Gerardis - tenuto conto dei temporali e delle mareggiate, per cui non si è prevista una pendenza idonea e degli scoli veramente in grado di svuotare l'acqua che si viene a depositare sulle mattonelle".

R. R.
 

 

                       
Designed & programmed by Saverio Gerardis

Cookie & Privacy Policy

Il sito è on line dal 22.05.2003